Questo sito fa utilizzo di Cookies, continuando la navigazione li accetti

Nel 1922 Citroën intraprese la prima traversata in automobile del Sahara, la cosiddetta Crociera Nera. Nel 1924 seguì una seconda spedizione che arrivò fino a Città del Capo, la Spedizione Citroën Centro Africa. Infine, nel 1931, promosse un’altra avventura, la più impegnativa, la terza missione Haardt-Dubreuil, più nota come Crociera Gialla.

La spedizione partì il 4 aprile 1931 da Beirut e arrivò a Pechino il 12 febbraio 1932, dopo aver percorso oltre 12.000 chilometri e aver superato ostacoli che, in certi momenti, costrinsero a smontare pezzo per pezzo i cingolati per superare catene montuose o grandi fiumi.
La spedizione era articolata in due gruppi: il gruppo Cina, guidato da Victor Point, che raggiunse Pechino attraverso la Transiberiana ed il gruppo Pamir che partì da Beirut guidato da Georges-Marie Haardt e Louis Audouin-Dubreuil alla volta della catena dell’Himalaya. Facevano parte della spedizione Teilhard de Chardin, il celebre gesuita geologo-paleontologo, Hackin, specialista di antichità dell’estremo oriente, Reymond e Williams, naturalisti, Lefevre, giornalista, il pittore Iacovleff, Maynard-Owen Williams della National Geographic Society, una troupe di cineasti oltre a medici, telegrafisti e diciotto meccanici selezionati tra le maestranze dell’Atelier dei Cingolati Citroën.
Il gruppo Cina incontrò difficoltà tecniche, tra cui le tempeste di sabbia nel deserto del Gobi e le vicende legate alla guerra civile in corso in Cina. Anche il gruppo guidato da Haardt, non potendo attraversare l’Afghanistan in guerra, attraversò l’Himalaya percorrendo 372 chilometri in 26 giorni e superando vette al di sopra dei quattromila metri.
I due gruppi riuniti attraversarono il Gobi in inverno, entrando il 12 febbraio del 1932 a Pechino.
Due tipi di veicoli cingolati parteciparono alla Crociera Gialla. Quello derivato dalla C6F - destinato al gruppo Cina - aveva due serbatoi di benzina da 200 litri ciascuno, due gruppi elettrici, un radiatore speciale ed un ventilatore a otto pale. Il peso a pieno carico era di 4 tonnellate con rimorchio. Carrozzeria in alluminio, tetto in tela e una velocità di 45 chilometri orari.

1-crociera-gialla.jpg 2-crociera-gialla.jpg 3-crociera-gialla.jpg

4-crociera-gialla.jpg